Diventeremo dei Vichinghi?

cm.jpgSaltellando di qua e di là per Internet ho trovato questo interessante articolo nell’archivio storico del Corriere della Sera.

Anche se risale al 2007 è interessante e mostra la tenzenza nella crescita degli italiani negli ultimi decenni.

Ecco qui di seguito l’articolo… a voi i commenti!

“ROMA – Continua la rincorsa degli italiani agli spilungoni della Scandinavia. Non riusciremo mai a raggiungerli, ma ci stiamo avvicinando sempre di più. Anche perché abbiamo davanti la prospettiva di continuare a crescere fino a raggiungere il cosiddetto «bersaglio genetico», cioè la misura scritta nel Dna della popolazione. Danesi, svedesi e quasi tutti i nordici l’ hanno già raggiunto e non hanno quindi possibilità di ulteriori scatti. Noi invece abbiamo ancora a disposizione almeno un paio di centimetri, mediamente, per crescere, dicono gli esperti del settore.

La progressione dal 1900, quando l’ altezza media degli italiani era di poco più di un metro e 61, è stata continua e anzi in accelerazione. Nel 1965 avevamo guadagnato appena un paio di centimetri, altrettanti 10 anni dopo. Ma nel ‘ 95 eravamo già a quota 1,68 mentre il traguardo dell’ 1,70 è stato toccato nel 2005. Quindi 7 centimetri in più in 40 anni. Se consideriamo che l’ altezza media dei maschi, come risulta dagli esami alla visita di leva, è cresciuta di poco più di 4 centimetri (da 1,70 a quasi 1,75 mentre la media delle donne è ora a 1,63) in mezzo secolo, si vede che la statura delle donne è aumentata in media di più di quella degli uomini. Anche se ora un italiano su cinque supera il metro e 80, rispetto al 6 per cento nel dopoguerra. E contemporaneamente è calata nettamente (dal 5 all’ uno per cento) la percentuale di giovani la cui altezza oscilla tra 155 e 159 centimetri.

CENTIMETRI – «Non si possono stabilire le nostre potenzialità – resta sulle generali Lorenzo Lughetti, pediatra all’ università di Modena -. È sicuro però che esiste un ampio margine di miglioramento. I giovani del sud crescono a un ritmo maggiore rispetto ai coetanei del nord». I meridionali nell’ ultimo quinquennio hanno guadagnato 2,5 centimetri contro la media di 1,6 del resto della popolazione. Entro la prossima decade si dovrebbe ottenere la scomparsa delle differenze geografiche, della penisola tagliata in due. I più veloci nel recuperare l’ altezza mai avuta? I sardi, un tempo noti anche per la loro statura non elevata. «Quando nasciamo, il codice genetico indica tra l’ altro le caratteristiche che dovremmo raggiungere in condizioni di vita ottimali», spiega Alessandro Cicognani, presidente Siedp.

CONQUISTA – L’ ultima conquista nazionale è stata tra gli argomenti del workshop nazionale della società di endocrinologia e diabetologia pediatrica (Siedp), concluso ieri a Rimini. Malgrado il salto in centimetri, persiste nei genitori il complesso della bassezza. «Che il figlio non cresca abbastanza è timore diffuso – dice Lughetti -. Noi dobbiamo insistere per far capire che la bassa statura non è una malattia e non va utilizzato l’ ormone della crescita, il Gh. Le mamme ci chiedono la prescrizione. Ma siamo contrari».

ORMONI – A Rimini si è discusso del corretto uso dell’ ormone della crescita, da somministrare solo se viene diagnosticato un deficit reale determinato da una patologia. Oggi c’ è un farmaco biosintetico, del tutto identico a quello prodotto naturalmente dall’ ipofisi. Si stima che ne abbia reale bisogno, per disturbi gravi, un bambino su 4.000. Consigli. Se c’ è un dubbio, se il bambino non è il vatusso che vorremmo e a scuola deve sedere ai primi banchi, rivolgersi al pediatra di base: verificherà l’ eventuale anormalità dei parametri (misurati con le tabelle dei percentili) e invierà se lo ritiene necessario a uno specialista. L’ orientamento invece, denuncia la Siedp, è correre dall’ endocrinologo. Errori: arricchire la dieta, somministrare integratori. * * * 2,5 I CENTIMETRI guadagnati dagli italiani nati al Sud nell’ ultimo quinquennio. La media del resto della popolazione è di 1,6

De Bac Margherita”

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn

Technorati Tags: , ,

Un commento a “Diventeremo dei Vichinghi?”


  1. Complimenti, ottimo blog! Molto originale 🙂

Lascia un commento